fbpx
Skip to content Skip to footer

Chi siamo

Lo Shock Wave Festival nasce al termine di una chiamata notturna fra due amici uniti dal sogno di trasportare in una realtà dal vivo la musica che quotidianamente ascoltavano. Un concerto, sì, ma non solo. Un’esperienza immersiva in cui vivere l’evento non solo grazie alla musica ma anche al contesto che la circonda

Edizione 2019

Nasce lo Shock wave FEstival

Il sogno diventa realtà

L’idea trova il suo compimento nell’estate del 2019. Grazie al supporto del comune di Francavilla al Mare, in Piazza Sirena si esibiscono Rkomi e Ghemon, oltre ad alcuni artisti emergenti. Lo Shock Wave Festival, per qualche giorno, cambia il volto e il suono della città, ripopolandola di giovani e aggregando intorno all’evento turisti e abitanti. Nonostante il gruppo operativo sia formato da ragazzi pieni di energia poco più che ventenni e alle prime armi, la riuscita è ottima e si guarda già all’anno successivo, ansiosi di ripetere il successo e, se possibile, migliorarsi.

poi il buio

Il Covid-19, oltre che la vita di ogni persona su questa Terra, travolge il mondo degli spettacoli dal vivo, della nightlife e dei festival e lo Shock Wave non fa eccezione. Il biennio 2020-2021 è contraddistinto da dubbi e incertezze, speranze e illusioni, in una situazione totalmente dipendente dall’andamento dei numeri della pandemia. Il progetto Shock Wave entra in crisi, la sensazione è quella di aver perso una grande occasione a causa di un tempismo sbagliato. Il destino beffardo ha interrotto il percorso di crescita; andare a un concerto non è più scontato, organizzare un festival lo è ancora meno.

Come spesso accade, dietro la crisi si cela un’opportunità. Nel giugno del 2021, sempre a Francavilla al Mare, vede la luce Futura, un’associazione di promozione sociale con l’intento di gestire e sviluppare il centro di aggregazione giovanile della città che nasce nello stesso periodo e che prende il nome di Zona Futura. Il nucleo fondativo di Futura ricalca in buona parte quello dello Shock Wave, dimostrazione che neanche la pandemia è riuscita a spegnere la speranza di questi ragazzi. Futura rigenera il progetto Shock Wave, arricchendolo di nuove sensibilità, competenze ed energia.

Edizione 2022

la ripartenza post-pandemia

La rinascita

Il 2022 è l’anno della rinascita. Finalmente è possibile tornare a cantare, ballare e divertirsi a un festival, senza pensieri, riprendendo il filo da dove era stato interrotto. In segno di ripartenza, Anno Zero è la tagline dello Shock Wave Festival che, come la fenice, dalle sue ceneri è rinato rinnovato dalle ragazze e dai ragazzi di Futura. Questa volta con i piedi nella sabbia.

Infatti, la novità più importante della seconda edizione è la location, che trasloca dal centro al sud della città. Sulla spiaggia di Lungomare Tosti, nella zona sud della città, il luogo adatto per ospitare un numero maggiore di persone.

Ariete, Coez, Pinguini Tattici Nucleari e Tommaso Paradiso sono i protagonisti di quattro giornate da pelle d’oca, dove le Shock Wave people non hanno smesso neanche per un secondo di ballare ed emozionarsi al ritmo della musica di quattro artisti formidabili.

Edizione 2023

La Terza edizione

MARE DENTRO

Sulla scorta dell’esperienza dell’anno precedente, lo Shock Wave Festival torna nel 2023. Il tema della terza stagione è dedicato alla location straordinaria che lo ospita. Infatti, il mare non è solo il teatro di magnifici ricordi e di questo festival, ma anche un modo di essere, fatto di sogni e visioni che superano il confine dell’orizzonte.

C’è chi ha il mare dentro e chi lo cerca dentro se stesso. Dal punto di vista artistico si torna alle origini, una sorta di viaggio intergenerazionale dell’hip hop: partendo dalle leggende degli Articolo 31, passando poi per l’hitmaker e re delle classifiche Sfera Ebbasta, per concludere con due giovani assi della trap, Paky e Geolier.

Edizione 2024

La quarta edizione

SEMPRE CON IL MARE DENTRO

Ci ritroviamo sempre qui, innamorandoci dello stesso mare. Lo Shock Wave torna per la sua quarta edizione nel 2024, più maturo e sempre con più domande da rivolgere al ssuo grande fratello blu. Le vite delle persone che popolano il festival si intrecciano nuovamente in tre notti di mezza estate, insieme alla voglia mista a paura di tornare a casa. In quella terra che per molti non è più una dimora accogliente ma un ricordo amaro che vuole riaccendersi. Un eterno ritorno di emozioni, un po’ come il ciclo delle maree, ineluttabile e senza tregua. Fino a quando non parte la musica.

Sul palco, la dance senza tempo di Gabry Ponte, la voce indipendente della Gen Z e delle sue sensibilità Giuse The Lizia, l’introspezione di Gazzelle, il nuovo volto del rap e già leader delle classifiche Kid Yugi e l’inferno armonico di due autentiche leggende come Salmo & Noyz Narcos.

Organizzatori